Io non scendo

Donne che salgono sugli alberi e guardano lontano

Io non scendo. Al Magazzino delle idee dal 18 maggio al 25 agosto 2024

Dal 18 maggio al 25 agosto 2024

Al Magazzino delle Idee una mostra fotografica, che riunisce oltre duecentocinquanta foto anonime, dal 1870 al 1970, che ritraggono donne in cima agli alberi. Insieme alle immagini, quindici storie che intrecciano fotografia, letteratura e cinema per raccontare la forza liberatoria dell’ascesa. Tra le protagoniste Louisa May Alcott, Simone de Beauvoir, Pippi Calzelunghe, Angela Carter, e le triestine Bianca di Beaco e Tiziana Weiss e l’udinese Riccarda de Eccher

L'esposizione

Nella sua autobiografia “Io non sono un’alpinista” la scalatrice triestina Bianca di Beaco racconta di come sua madre, contadina, l’avesse spinta “non tanto verso conquiste materiali, ma verso una conquista di me stessa”. E in cima alle montagne, così come da bambina in cima agli alberi, Bianca aveva scoperto “la dimensione in cui i sogni si realizzano”. La sportiva triestina è soltanto una delle tante novelle Eva che, per affermare la necessità di essere se stesse, allontanandosi dallo stereotipo che le vuole radici per il nutrimento altrui, hanno scelto di arrampicarsi sugli alberi, di farsi loro stesse frutto, di essere sovversive come ogni creatura che sale verso il cielo per negare la gravità terrestre e osservare il mondo da una nuova prospettiva. E, una volta in cima, dichiarare: “Io non scendo”.

Curata da Laura Leonelli, giornalista e scrittrice, collaboratrice del supplemento culturale de Il Sole 24 Ore (e di Arte e AD) e appassionata collezionista di fotografie anonime, l’esposizione nasce dal suo omonimo libro, pubblicato da Postcart edizioni, e raccoglie, in un allestimento che richiama l’idea di bosco,  oltre duecento fotografie anonime, corredate da quindici storie, di donne che, dal 1870 al 1970, hanno scelto di farsi ritrarre in cima agli alberi.

“Le donne salgono sugli alberi quando disubbidiscono. E ogni donna che disubbidisce è figlia della prima, più celebrata e dannata delle disubbidienti: Eva. Ascoltando la voce delle nuove Eva, dal dodicesimo secolo a oggi, questo libro riporta gli slanci, le delusioni, le battaglie, le ascese di alcune di loro, mistiche, scrittrici, filosofe, fotografe, ecologiste, imprenditrici, alpiniste, che hanno disubbidito e sono salite sull’albero della consapevolezza e della propria realizzazione.

Laura Leonelli

Le donne che si arrampicano sugli alberi sono sempre esistite, puntualizza Leonelli, ma la matrice letteraria che diede un impulso alla pratica del farsi fotografare arrampicate su un albero fu il romanzo “Piccole donne”, pubblicato nel 1868. Jo March infatti, la più iconica tra le quattro protagoniste del capolavoro di Louisa May Alcott, adorata da tutte le lettrici del romanzo per il suo carattere ribelle e coraggioso (quindi, all’epoca, maschile), ama leggere, e non a caso ama leggere sul melo di fronte casa. Jo è l’alter ego dell’autrice, in cui si identifica, tra le altre, anche Simone de Beauvoir, e viene portata sullo schermo da un’altra appassionata arrampicatrice, Katharine Hepburn, che come Jo ama salire sugli alberi. 

E poi ancora Pippi Calzelunghe, nata dalla penna della scrittrice svedese Astrid Lindgren, libertaria e indipendente che ama arrampicarsi sugli alberi, Julia Butterfly Hill, che ha trascorso 738 giorni su un albero, una sequoia millenaria, diventando il simbolo di una delle più straordinarie lotte del movimento ecologista americano.

La mostra rende omaggio a tre donne triestine e friulane, tre grandi scalatrici: Bianca di Beaco, Riccarda de Eccher e Tiziana Weiss. D’altra parte chi meglio di una scalatrice prosegue l’ascesa iniziata sugli alberi?Tre scalatrici, due generazioni e una città dove le donne sono state più libere che altrove. A Trieste hanno iniziato presto ad arrampicare, e nessuno l’ha trovato strano. Come tutte le bambine irrequiete la prima arrampicata l’hanno affrontata sugli alberi, per poi farsi strada in un mondo che, fino ad allora, era stato rigorosamente precluso a metà del genere umano.

Laura Leonelli

Laura Leonelli, giornalista, collabora al supplemento culturale de Il Sole 24 Ore, Arte e AD. È curatrice della Collezione Ettore Molinario.

Ha pubblicato i volumi Siberia per due. Madre e figlia lungo lo Enisej (Feltrinelli), Lem. Viaggio iniziatico di un piccolo Buddha (Contrasto), Paolo Ventura. Autobiografia di un impostore (Johan & Levi), Rosalia Rabinovich. Stella Rossa (Biffi Arte), Bruno Corali. Il volo della gazzella (Lubrina), È Nestlè. Un viaggio all’origine di tanti sapori italiani (Peliti Associati), Un anno Pedrini (Peliti Associati). Da anni studia e colleziona fotografia anonima.

Libro

Accompagna la mostra il libro Io non scendo edito da Postcart edizioni

Orari

da martedì a domenica 10.00-19.00

lunedì chiuso

Aperture straordinarie

2 giugno, 15 agosto 2024

Biglietti

Intero € 8,00

Ridotto € 5,00:

– 65 anni compiuti
– ragazzi da 12 a 18 anni non compiuti
– studenti fino a 26 anni non compiuti
– diversamente abili

Omaggio:
– bambini fino a 12 anni non compiuti
– accompagnatori di gruppi (1 ogni gruppo)
– insegnanti in visita con alunni/studenti (2 ogni gruppo)
– un accompagnatore per disabile
– tesserati ICOM
– giornalisti con regolare tessera dell’Ordine Nazionale in servizio

Gruppi (min 10 persone – max 25 persone):
€ 5,00 cad. senza guida
€4,00 cad. con guida (più €50,00 per la guida)

La biglietteria chiude mezz’ora prima

Informazioni

email: info@magazzinodelleidee.it
telefono +39 040 3774783

Social

Facebook: @magazzinoideetrieste

Instagram: @magazzinodelleidee

#magazzinodelleidee

Ufficio stampa

Giulia Basso

E-mail: giuliabass@gmail.com

T +39 349 3117889

logo Friuli Venezia Giulia
logo-patrimonio-culturale-fvg-web-crop-2021

agenda